Cala il sipario sul campionato europeo più social di sempre!

11 luglio 2016

Ieri sera, con la vittoria del Portogallo di Cristiano Ronaldo contro la Francia, si è concluso l’europeo di calcio 2016, considerato il più coinvolgente di tutti dal punto di vista dei social network. Fin dall’inizio, per esempio, Twitter ha permesso agli utenti di inserire le bandierine nazionali per migliorare i post esteticamente: inutile dire che l’iniziativa ha riscosso enorme successo! Le statistiche mostrano dei numeri impressionanti sui social, già a partire dalle fasi iniziali dell’europeo: agli ottavi, il passaparola di messaggi (in italiano) sui social è stato di circa 1.2 milioni di messaggi (soprattutto inviati attraverso Twitter), pubblicati da circa 433 mila utenti. 

Entrando più nel dettaglio, la partita più acclamata sul web è stata Belgio-Italia, con più di 5 milioni di interazioni realizzate solo nella giornata del 13 giugno; tra gli hashtag più citati su Twitter c’è sicuramente quello ufficiale #Euro2016, seguito da #ITA e #VivoAzzurro. Da segnalare anche il successo dei branded hashtag, come #TifiamoInsieme di Coca Cola, #SkyEuroPeople per Sky Sport e tanti altri! 

Ovviamente, l’uso di Twitter è stato accompagnato da quello di Facebook. Solo dal 1 maggio al 7 giugno, quindi ancora prima dell’inizio delle partite, circa 85 milioni di persone hanno generato 221 milioni di interazioni riguardanti il torneo europeo; il canale di Zuckerberg è stato fondamentale anche per migliorare l’interazione tra tifosi e squadre: l’Inghilterra e la Spagna hanno trasmesso conferenze stampa in diretta, la Germania ha fatto delle dirette durante i propri allenamenti, il Belgio, invece, ha aperto sessioni di “domande e risposte” con i fan. 

Cinque sono state le nazionali più chiacchierate dei social a livello globale: Francia in testa, seguita da Inghilterra, Russia, Germania e Italia. In realtà, nella prima fase del torneo, l’Italia era prima per numero di interazioni online (circa 1,8 milioni di interazioni in sole 24 ore) e aveva registrato il più alto numero di nuovi iscritti sulla sua pagina ufficiale. Non solo, l’Italia otteneva circa 2 milioni di visualizzazioni per ogni video o clip che pubblicava su YouTube e sugli altri social media. I risultati sono diminuiti da quando la nostra nazionale è uscita dalla competizione, ma nonostante questo, i numeri si sono mantenuti a livelli importanti. 

L’enorme coinvolgimento dei social network intorno all’evento di Euro 2016 è evidente anche da altri risultati. La pagina Facebook dell’Islanda, vera rivelazione di quest’anno, è quella che ha registrato la maggior crescita di fan (+170.8%); Cristiano Ronaldo si conferma “re dei social”, con più di 113 milioni di fan, mentre l’italiano Graziano Pellè ha avuto una crescita della sua pagina ufficiale di circa il 300%. 

Anche YouTube e Instagram sono stati canali importanti di condivisione dell’esperienza europea: nel primo caso, il canale italiano Vivo Azzurro ha avuto circa 4 milioni di visualizzazioni durante il periodo della competizione, mentre nel caso di Instagram, il profilo azzurro ha visto aumentare i suoi follower di più di 500.000 utenti, anche se la squadra più seguita resta la Germania (con 1 milione di follower).

Ancora una volta, è quindi evidente come il ruolo dei social network sia essenziale per incoraggiare la condivisione di passioni, emozioni e risultati, accrescendo l’importanza di eventi e favorendo l’interazione tra gli utenti. 
 

torna alla lista editoriali

ALTRI EDITORIALI