Apple presenta la sua nuova idea di orologio e lancia l’Apple Watch Series 2

13 settembre 2016

Durante l’evento del 7 settembre, Apple non ha presentato solo il nuovissimo IPhone 7, ma anche la nuova generazione degli smartwatch, attraverso l’Apple Watch Series 2.
 
Il software preinstallato è WatchOS 3.0, che include tantissime nuove funzioni dedicate alla salute e al benessere, con app per gli esercizi di fitness o di respirazione (per rilassarsi e combattere lo stress) e con tante delle novità apportate dall’aggiornamento ad iOS 10.
 
Il nuovo device della mela somiglia molto esteticamente al precedente modello, con un design che mantiene la forma rettangolare, uno schermo dal vetro arrotondato ed un tasto per l’accesso rapido alle funzioni. Per quanto riguarda i materiali per la scocca, è possibile scegliere tra alluminio anodizzato, acciaio inossidabile lucentissimo e ceramica bianca ultra resistente (la vera novità di quest’anno), nonché abbinare svariati cinturini, che vanno dal nylon intrecciato a quelli in pelle targati Hermès.
 
Questo cambiamento, anche se non radicale, del design, mostra come la società di Cupertino abbia voluto passare da un concept di lusso ad uno sportivo, rendendo il prodotto meno di nicchia, adatto ad un mercato molto più di massa. Coerentemente con questa nuova idea, la società della mela ha lanciato l’Apple Watch Nike+, un’edizione speciale con cinturino dotato di fluoroelastomero ed un cardiofrequenzimetro per monitorare i battiti del cuore, nonché ottimizzata con delle funzioni orientate in modo specifico allo sport, ed elaborate proprio insieme a Nike: ad esempio, sono presenti comandi esclusivi per Siri, programmi d’allenamento personalizzati, app per creare sfide di corsa con altri utenti e tanto altro.
 
Quello che davvero cambia rispetto alla prima generazione degli smartwatch sono le funzionalità, innovative ed evolute: la cassa è swim-proof, per resistere all’acqua fino a 50 metri di profondità, rendendo l’orologio adatto agli allenamenti in piscina, mentre la parte hardware è progettata in modo da far propagare in modo corretto il suono, ma nel contempo espellere verso l’esterno l’eventuale acqua immagazzinata nel dispositivo. Il GPS integrato consente il monitoraggio preciso dell’attività fisica, attraverso la misurazione del ritmo di camminata, della distanza fatta attraverso la corsa e tanti altri elementi del proprio allenamento, senza necessità di portare sempre con sé lo smartphone.
 
Molte sono, quindi, le configurazioni proposte, con prezzi che variano a seconda dei casi: si va dai 339€ ai 1.369€. Tutti i modelli sono prenotabili dal 9 settembre.
 
Non ci resta che aspettare per vedere come i consumatori reagiranno a queste novità e come Apple continuerà la strada evolutiva nel mondo degli smartwatch! 
 

torna alla lista editoriali

ALTRI EDITORIALI