Trasparenza sugli stipendi dei professionisti? Ci pensa LinkedIn!

9 novembre 2016

Da oggi, negli USA e Regno Unito (ma presto anche in Italia), l’argomento “stipendio” non è più un tabù! La rete professionale più grande al mondo introduce “Salary”, il tool che vi permetterà di scoprire quale dovrebbe essere la vostra retribuzione.
 
Basterà inserire il vostro lavoro e la città in cui lo esercitate per conoscere lo stipendio medio dei lavoratori che svolgono la stessa mansione in quella stessa area geografica; in più, oltre allo stipendio base, l’applicazione sarà capace di calcolare fringe benefits e bonus che vi spetterebbero.  Per calcolare questo dato, LinkedIn Salary tiene conto di diverse variabili, come la retribuzione attuale, il ruolo ricoperto, il livello d’istruzione completato, gli anni d’esperienza lavorativa maturati.
 
Nei paesi anglosassoni, parlare di stipendio è ormai normale, tanto che esistono già delle piattaforme web (come Glassdoor) che indicano le retribuzioni medie dei lavoratori a seconda dell’azienda selezionata. In Italia, però, i dipendenti sono ancora un po' restii nel dialogare sul loro salario; in questo, LinkedIn Salary sicuramente aiuterà, fermo restando che il management del social di professionisti assicura il rispetto della privacy, grazie alla tecnologia RSA-2048, in grado di criptare le informazioni fornite.
 
Insomma, finalmente esiste uno strumento che aiuta i professionisti a prendere le giuste decisioni sulla propria carriera, ottimizzando il guadagno potenziale! 

torna alla lista editoriali

ALTRI EDITORIALI