Cos'è Telegram?

15 marzo 2016

Da diversi giorni una nuova app sta scalando le classifiche dei vari store, contando ben 100 milioni di utenti totali e 350mila nuovi utenti che si registrano ogni giorno. Di chi si tratta? Stiamo parlando di Telegram.

Deve essersene accorto anche Zuckerberg della minaccia di questo nuovo social, tant’è che su Facebook, Whatsapp e Instagram  non è possibile inserire alcun link di Telegram... pena il blocco del link!

Di primo acchito Telegram può sembrare la copia di Whatsapp... ma cosa rende davvero speciale Telegram? Le differenze sono tante: vediamole insieme.

Innanzitutto Telegram è un applicazione che funziona tramite cloud: è qui che tutte le vostre conversazioni saranno registrate, così da essere sempre presenti a prescindere dal device che utilizzerete.

E’possibile registrare messaggi vocali, condividere gif, video, foto e stickers (una sorta di emoji che si possono anche personalizzare), e anche inviare documenti che possono pesare ognuno fino a 1,5 GB.

Già così uno ci farebbe un pensiero a passare anche a questo nuovo social (in fondo è pur sempre free) ma in verità non vi abbiamo ancora detto cosa lo rende unico: si possono sia creare chat segrete con conversazioni che si autodistruggono come avviene con Snapchat, sia dei canali, utili per diffondere un messaggio in modo capillare ad un grande pubblico, in cui tutti possono iscriversi e ricevere gli aggiornamenti ma la comunicazione in questo caso risulta unidirezionale per cui gli iscritti non possono rispondere.

Infine, ma non per importanza, c’è la possibilità di interagire con i bot,che permettono di eseguire numerose operazioni in modo automatico, come conoscere l’orario del cinema, senza uscire dal social.

Come si vede Telegram è un interessante applicazione e Mark questo l’ha ben capito. Come dicevamo un po’ di tempo fa in merito ad un altro social network: “niente può far preoccupare Zuckerberg: se [...] non fallirà sarà lui stesso a compararselo”, oggi possiamo confermare quanto dicemmo e sappiamo anche cosa sia capace di fare se non ottiene ciò che vuole: emarginare dalla nostra vita social tutto ciò che lo impensierisce.
 

torna alla lista editoriali

ALTRI EDITORIALI