Guerrilla Marketing e gli unconvetional spot

24 ottobre 2014

Chi si è mai trovato ad attraversare la strada camminando sulle patatine di Mc Donald's a mo' di strisce pedonali?
Bene quello è un rapido esempio di guerrilla marketing.


Con l'arrivo dei social network, si sapeva che qualcosa sarebbe cambiato, va bene lo spot prima dei film o la sitcomedy nel break di una trasmissione, ma cosa ne pensereste se invece di vedere lo spot del dentista, aveste una bocca gigante in 3d in una delle piazze più grandi d'Italia?
 


Benvenuti nell'universo #Guerrilla, dove il linguaggio utilizzato è quello NON convenzionale.


Si rompono le regole della teoria della classica pubblicità, e si apre la strada all'insieme di regole e strategie unconventional, attraverso la messa in scena di pseudo-eventi concepiti con lo scopo di attrare, coinvolgere quante più persone possibile per veicolare concetti, immagini, marchi.

Si pensano a nuovi mezzi di comunicazione per promuovere idee, eventi, prodotti, servizi.
Restare nella mente del consumatore, essere il primo marchio a essere richiamato, in un momento di bisogno e non.

Un'iniziativa, quindi, che porta tutti al sorriso: i consumatori sono contenti, perchè attratti di quaòlcosa di nuovo, innovativo, fuori dal comune, non convenzionale; l'azienda antrettanto perchè capace di raggiungere gli stessi obiettivi con un budget minore. 
Invece di spendere denaro un Guerrilla preferisce investire tempo, impegno, determinazione, fantasia e informazioni perché quelle sono le armi a sua disposizione.
Impegno e dedizione quindi, e saremo pronti a partire e vedere il Cristo di Rio... tra le strade di Napoli.
Con la collaborazione dei #social, poi tutto diventa più semplice: basta creare un evento a cui invitare tutti i propri follower, pubblicità a go go e il gioco è fatto.
Il binomio Guerrilla-social diventa di fondamentale importanza. Foto, tag, registrazioni, l'evento diventa di portata nazionale, anche chi non ha l'opportunità di parteciparvi, vi prende parte grazie alle condivisioni dei suoi amici.
     


 

E voi? Avete mai visto qualcosa del genere?
 

 

torna alla lista editoriali

ALTRI EDITORIALI