Google vicino ai malati di Parkinson

27 novembre 2014

Google ha dato il via alla partnership con Lift Labs, una piccola start up californiana acquisita da sito onnisciente, per poter inventare e produrre una posata del tutto innovativa.

 

E così è stato, è già in vendita sul sito della compagnia il Liftware Spoon, o anche chiamato il cucchiaio intelligente, per le sue caratteristiche tecniche oltre che per la ragione sociale della sua ideazione.

 

Al giorno d’oggi al mondo ci sono circa 10 milioni nel mondo che soffrono di patologie, quali il morbo di Parkionson e che vedono la loro vita scivolare tra le mani. L’impossibilità di compiere attività a prima vista banali, rende l’esistenza di questi individui in perenne dipendenza da persone terze.

 

"La grande multinazionale ha così scelto di essere vicina a tali persone decidendo di poter fare qualcosa" dice Katelin Jabbari, portavoce di Google.

 

Il cucchiaio intelligente, frutto di ricerche ed esperimenti, riduce del 76% il tremolio della mano (secondo alcuni algoritmi), permettendo al malato di poter mangiare proprio come una persona comune.  

torna alla lista editoriali

ALTRI EDITORIALI